HOME | Libri - Bücher | Video & ... | >> Attività - Aktivität | Bookmark
[ Deutsche Fassung ] - [ Bambini di strada / Strassenkinder ]

Culture del Mondo / Kulturen der Welt:
Letteratura del mondo / Literatur der Welt. Diritti umani e dei popoli / Menschen- und Völkerrechte.
Politica dello sviluppo e di pace / Entwicklungs- und Friedenspolitik. Questioni Nord-Sud / Nord-Süd Fragen.

BAMBINI DI STRADA NEL MONDO

Nascere in un luogo o in un altro non è un merito.
Poter vivere dignitosamente in qualsiasi luogo è un diritto.
Se i bambini non possono vivere la loro infanzia questo è un crimine.
I bambini alzano gli occhi e ti sorridono, i bambini piangono, i bambini giocano.
Molti bambini non sorridono, non piangono, non giocano.
Muoiono mentre gli adulti non danno loro risposte alla domanda: "perché sono nato?"

PERCHÉ IO SONO UN BAMBINO

Un bambino di strada al Mercado oriental a ManaguaGuardami negli occhi presidente del Fondo Monetario Internazionale, guardami negli occhi manager multinazionale, guardami negli occhi politicante occidentale, dell'est, del sud, del nord; guardatemi negli occhi, voi, capi delle chiese umane; anche tu, rivoluzionario da salotto che con la pancia piena scrivi sul triste destino degli altri, su come sarebbe bello ma non è, sulla necessità del pragmatismo ed infine su questo mondo "il migliore possibile".

Guardatemi bene negli occhi perché tra poco non ce la farò più io a reggere il vostro sguardo. Ho camminato da quando ho imparato a camminare; ho scavato da quando ho imparato ad usare le mani; ho pensato da quando il mio cervello ha iniziato a decifrare il muro che mi ostacola in ogni dove. E tutto questo l' ho imparato quasi sempre per mangiare. Quelle poche volte che ci sono riuscito.Voi sapete cos'è la fame, tanto che mangiate ogni minuto, producete sempre di più perché "non si sai mai", perché avete il terrore di trovarvi senza mangiare. Lo avete provato solo quando siete nati. Un ricordo ancestrale che vi terrorizza. Quegli istanti nei quali il vostro pianto straziante annunciava l'urgente, inderogabile necessità del mangiare.Guardatemi bene negli occhi non fate finta di non capire. A me, quel pianto straziante, quel pianto giusto, non mi ha mai abbandonato. Solo adesso forse, mi lascerà.Se qualcuno spiega i perché di questo nostro lento addio, lo lasciate a parlare nella notte delle coscienze, magari gli date un premio purché, poi, taccia per sempre. Se qualcuno cerca di risolvere i perché di questa sistematica condanna a morte, lo schiacciate come un insetto fastidioso.

Parlate di pace, ma non ce n'è uno di voi che rinuncerebbe ai soldi delle armi; parlate del mondo diseguale e continuate a renderlo tale.
Io sono proprio arrivato alla fine ma voi non potete alzare la testa, dovete guardarmi, quaggiù, ancora negli occhi- Dovete guardare qui sotto, dove non avete mai guardato veramente; dovete guardarci, noi bambini.
Ci avete tolto l'infanzia e parlate di democrazia. Dite: "ma una volta era peggio". Forse, ma sicuramente, quella volta, era meno cinica. Non arrivava nessuno in aereo a dirci "vi aiuteremo" e poi l'oblio del silenzio che copre la menzogna.
Voi avete chiuso la porta sulla vostra vita. Credete che si "è" solo se si abbandona la propria infanzia. Niente malinconie. Adesso, maturi, proiettati verso il futuro, più forti e belli che mai; pronti alle sfide; adesso basta un "click"; senza storia, né memoria.
Per questo vi ho continuato a dire "guardatemi negli occhi"; perché io sono la vostra storia, quella vera, e sono quindi il vostro fallimento. Me ne vado senza speranza, io, che della speranza sono l'essenza, e sono troppo piccolo per pensare che qualcuno dopo di me cambierà questo mondo ipocrita. Perché io sono un bambino e volevo solo vivere prima di morire.

Un mondo ideale per tuttiE' molto difficile stimare il numero dei bambini di strada nel mondo: si parla di 100-150 milioni, ma potrebbero essere molti di più. Alcuni lavorano in strada ma vivono per lo più in famiglia, altri tornano a casa occasionalmente e molti altri non hanno più legami con la loro famiglia da anni perché ne sono fuggiti, sono stati abbandonati o sono rimasti orfani.Una volta in strada i pericoli e l'emarginazione finiscono per riportarli in situazioni di abuso e violenza. Sono bambini che hanno anche solo 5-6 anni e quasi tutti lavorano per sopravvivere o chiedono l'elemosina. Sniffano colla per attenuare i crampi della fame, commettono piccoli furti, si prostituiscono. Anche i contesti urbani in cui vivono questi bambini sono molto diversi, a partire dalle condizioni climatiche: basti pensare ai rigidi inverni nei paesi dell'Est europeo dove avere un riparo diventa fondamentale anche solo per sopravvivere.

AMERICA LATINA
di Maria Lidia Mota Cunha - Associazione delle donne brasiliane in Italia

Nei paesi latino-americani sono circa 30 milioni i minori che lavorano per aiutare la famiglia di origine, e quelli che vivono per la strada, in forma stabile o temporanea, sono all'incirca 15 milioni. E' per questo che quando si parla di bambini di strada si pensa subito all'America Latina e in particolare al Brasile, dove vive la maggioranza dei bambini di strada di tutta l'America Latina, che a sua volta raccoglie i due quinti di bambini di strada di tutto il mondo. La mancanza di politiche sociali adeguate, la cattiva distribuzione del reddito e la povertà rendono la condizione dei 187 milioni di bambini e ragazzi del continente molto difficile.

Questo fenomeno, chiamato povertà, è percepito come un fenomeno integrale, associato a fattori psicosociali, culturali ed economico-strutturali. Oggi circa il 40% della popolazione latino-americana è considerata povera. La povertà è un fenomeno complesso che ingloba varie dimensioni, come: reddito basso, fame e malnutrizione, salute precaria e non accessibilità degli individui e delle famiglie ai servizi di base come: abitazione, salute, educazione, trasporto e tempo libero. Salute, educazione, lavoro e ambiente salubre sono dimensioni importanti per lo sviluppo umano e, indipendentemente del reddito, l'accesso a questi beni dovrebbe essere assicurato per tutti cittadini.

Per guadagnare qualcosa per sfamare i figli, i genitori non hanno scelta: chiudere i figli in casa o obbligarli a lavorare da quando sono piccoli. Un'altra soluzione è abbandonarli nelle strade alla mercé della sorte che molto spesso porta solo botte, sevizie sfruttamento e umiliazione. Vittime della miseria e dell'abbandono della famiglia e della società in generale, essi camminano per le strade in cerca di solidarietà e di una soluzione per sopravvivere. E così cercano di sopravvivere senza saper fino a quando.

Queste presenze marginali che ancora oggi vivono vagando nei centri delle città, creano disagi ai passanti e ai commercianti e "danno fastidio" alla polizia, che in genere adotta un atteggiamento estremamente repressivo e violento. Eternamente in sospetto verso tutto e tutti - la stragrande maggioranza di questi ragazzini non infrangono nessuna legge ma cercano di sopravvivere, chiedendo l'elemosina, nel disprezzo e nel rifiuto della società, che li teme e li detesta per la vita libera che fanno. Senza una guida e protezione questi ragazzi sono facile preda di malviventi che li utilizzano per commettere furti o spaccio di droga e, poco a poco, sono coinvolti in delitti più gravi.

Nel momento che si comincia a creare una certa dipendenza da gruppi di fuorilegge più organizzati, i bambini non hanno altra scelta che continuare a praticare furti e altre attività delinquenziali e spesso vengono eliminati dagli 'squadroni della morte' (sorte di bande di cittadini al di sopra di ogni sospetto: commercianti, poliziotti ecc). Se tentano di abbandonare il gruppo sono ugualmente a rischio perché ricercati dai malviventi. Nel quadro d'abbandono in cui vivono questi ragazzi, la chiesa progressista iniziò, negli anni 70, a fare un lavoro di assistenza offrendo cibo, vestiti e un posto per dormire. Anche se importanti per ridare speranza ad alcuni ragazzi,queste iniziative assistenziali hanno rappresentato una soluzione passeggera che molte volte non riusciva a togliere i ragazzi della strada. Varie organizzazioni della società civile intrapresero allora attività di recupero con proposte educative, continuative coinvolgendo i ragazzi nella strutturazione di un vero e proprio progetto di vita.

AFRICA
di Adriana Cancelliere

Un bambino africanoAIDS, conflitti, povertà: queste le cause dell'aumento dei bambini di strada nel Continente africano. Le difficoltà di trovare le soluzioni giuste per risolvere un problema dalle cause complesse.

Nella maggior parte dei paesi africani la famiglia allargata è stata per decenni una struttura protettiva dell'infanzia. Affidati ai membri anziani della comunità e alle donne del gruppo in assenza dei genitori, i bambini venivano automaticamente protetti dai rischi provenienti dall'esterno; e, specialmente nelle zone rurali, ancora diffuse nel mondo africano, essi potevano vivere in situazioni relativamente protette. Ma il problema dei ragazzi di strada, sulla scorta delle nuove emergenze che in questo inizio di secolo tormentano il continente africano, dai conflitti armati all'emergenza AIDS, all'urbanizzazione, sta esplodendo con una drammaticità senza precedenti. Aumenta il numero degli orfani senza tutela: in Ruanda, dove la guerra civile ha reso orfani quasi 100.000 bambini, si contano ormai a migliaia i bambini e i ragazzi che lavorano e vivono sulla strada nella capitale Kigali. E così in Zaire, Burundi, Angola. In Zambia, uno dei paesi maggiormente toccato dall'emergenza AIDS, ci si aspetta che i ragazzi di strada, resi orfani dalla malattia dei genitori, raggiungeranno il numero di 300.000 entro la fine di quest'anno; il rappresentante UNICEF dello Zambia ha denunciato la gravità della situazione, affermando che questi bambini sono esposti ai mille rischi della strada, come l'abuso di droghe e la violenza sessuale.

ASIA
di Patrizia Paternò

Urbanizzazione crescente, crisi economica, degrado sociale sono alla radice dell'aumento dei bambini di strada nel continente asiatico. La difficile condizione dei bambini che cercano nuove opportunità nelle città industriali.

L'Asia è il continente più popoloso del mondo e sebbene il problema dell'urbanizzazione sia di proporzioni più contenute rispetto all'America Latina, le statistiche rilevano un progressivo aumento dei bambini che vivono in condizioni particolarmente difficili nel contesto urbano, spesso molto più critiche rispetto a quelle che affrontanoi bambini delle remote zone di campagna. L'emergere, soprattutto nell'ultimo decennio, di alcuni paesi del Sudest asiatico nell'economia mondiale ha contribuito a modificare la mappa della distribuzione della popolazione tra città e campagna. L'euforia dello sviluppo economico - che pure, com'è noto, ha subito una forte contrazione con il crollo delle borse asiatiche nell'estate del 1997 - ha spinto molte persone ad abbandonare le campagne in cerca di occupazione nelle fabbriche delle città industriali.

Bambini vietnamitiNon solo. La perdita di scambi privilegiati di alcuni paesi asiatici con la dissolta Unione Sovietica, se da una parte ha visto avviare una fase di decollo economico, non ha escluso l'emergere di nuovi problemi. E' il caso del Vietnam che con la politica del "doi moi" (il rinnovamento economico) ha iniziato a trasformare il sistema economico pianificato in economia di mercato e che ha dovuto fare i conti - di fronte alle migrazioni della popolazione dalle aree rurali alle città - con la mancanza di infrastrutture adeguate. Si parla di circa 16.000 bambini di strada in Vietnam, un numero in crescita, in particolare nelle città di Ho Chi Minh e Hanoi. Fino al 1990, la mancanza di dati precisi rendeva difficile conoscere l'entità

delle situazioni a rischio per i bambini e la conseguente adozione di misure adeguate. Oggi i dati e gli studi disponibili stanno permettendo una migliore strategia di intervento.
Nel settembre 1999 il Primo Ministro ha approvato un Piano d'azione nazionale per la tutela dei bambini che vivono in condizioni particolarmente difficili (sfruttamento sessuale, lavoro pericoloso, vita di strada). La legislazione è il primo passo ma deve essere rafforzata da particolari misure e programmi concreti per provvedere ai bambini e alle loro famiglie.
L'UNICEF ha elaborato una strategia di intervento che ha tre indirizzi: la prevenzione dalle situazioni a rischio, la protezione dei bambini che si trovano già in circostanze difficili e la reintegrazione nelle famiglie e comunità. Il lavoro insieme ad altre associazioni o organizzazioni non governative è fondamentale. l'Agenzia danese per l'Assistenza Internazionale (DANIDA) in Vietnam ha contribuito con 400mila dollari per un progetto dell'UNICEF per i bambini di strada.
Il progetto si basa sulla partecipazione dei bambini di strada vietnamiti per aiutarli a esprimere le loro opinioni, i loro sentimenti, desideri e bisogni sulla loro situazione e sul loro futuro. Attraverso il coinvolgimento dei bambini è più facile elaborare un piano di azione davvero efficace.

EUROPA DELL'EST
di Elisabetta Porfiri

La comparsa del fenomeno dei bambini di strada nei paesi dell'Est europeo - praticamente inesistente prima del 1989 - si spiega col deterioramento delle condizioni di vita delle popolazioni e con la crescente marginalizzazione economica e sociale di settori sempre più vasti della società. L'intervento dell'UNICEF, impegnato nella partecipazione diretta ai programmi di assistenza dell'infanzia locale.

Per decenni, l'abuso e la violenza nei confronti dell'infanzia sono stati ufficialmente assenti nell'Est europeo comunista: la propaganda di regime trasmetteva un'immagine idealizzata e patinata dei bambini, ben nutriti e ben assistiti, in società tradizionalmente attente ai bisogni delle giovani generazioni. Oggi, a dieci anni dalla caduta del muro, sul finire di quel processo di transizione che avrebbe dovuto offrire nuove opportunità alle giovani generazioni, i problemi sono finalmente emersi in tutta la loro gravità e l'idea un po' demagogica che la transizione all'economia di mercato avrebbe contribuito a risolverli si è rivelata utopica. Secondo studi recenti i bambini sono, sempre più, vittime della violenza domestica: nella Federazione Russa, nel 1996, 200 bambini sono stati uccisi dai genitori o da altri membri della famiglia; sempre nella Federazione Russa nel 1998 15.000 donne sono state uccise dai loro partner e 8.000 sono state abbandonate, con conseguenze immaginabili sulle condizioni materiali e psicologiche dei figli.

Famiglia Rom balcanicaAltre statistiche che giungono a conferma del malessere delle giovani generazioni nell'Est europeo riguardano l'aumento del numero dei suicidi tra i minorenni: nella Repubblica Ceca, p.es., il numero dei minori di 14 anni che hanno tentato il suicidio si è più che quadruplicato tra il 1990 e il 1994 (da 1,66 a 8,49 su 100.000 per quel gruppo di età), mentre il numero dei tentati suicidi tra i 15 e i 19 anni è raddoppiato nello stesso periodo. Il maggior numero di suicidi si riscontra in Lituania e nella Federazione Russa dove 50 su 100.000 teenagers tra i 15 e i 19 anni si sono suicidati nel 1994. A suicidarsi sono soprattutto i giovani che escono dagli orfanotrofi, ulteriore prova dell'incapacità delle istituzioni statali di occuparsi dei suoi giovani.

Ai problemi che affondano le radici nelle strutturali carenze del passato se ne sono aggiunti di nuovi come la mancanza di case, manifestazione delle nuove povertà dell'era capitalista: sempre più spesso famiglie strette nella morsa della povertà vendono o affittano tutto quello che possono vendere o affittare - compresa la propria casa - per raggranellare qualche soldo. Di conseguenza, molti dei cosiddetti "bambini della post-privatizzazione" sono costretti a trasferirsi in stazioni ferroviarie, edifici abbandonati e altri rifugi temporanei, con la famiglia o più spesso da soli, con altri piccoli senza tetto, in attesa che qualcosa accada; ma nella maggior parte dei casi questi ricoveri di fortuna sono destinati a diventare la loro abitazione a tempo indeterminato. Inizia così per bambini che un tempo sarebbero stati più o meno garantiti, una vita precaria, fatta di espedienti e di accattonaggio. La comparsa del fenomeno dei bambini di strada in questi paesi - praticamente inesistente prima del 1989 - si spiega dunque col deterioramento delle condizioni di vita delle popolazioni e con la crescente marginalizzazione economica e sociale di settori sempre più vasti della società. Nella sola Mosca ci sono oltre 60.000 bambini senza casa (un milione in totale nella Federazione Russa); a Budapest essi sono tra i 10.000 e i 12.500, mentre nella sola Bucarest ce ne sono oltre 5.000. In alcuni casi i bambini diventano piccoli homeless quando gli orfanotrofi statali ormai privi di risorse sono costretti a disfarsi di loro.

Nella maggior parte dei paesi ex socialisti gli istituti di assistenza all'infanzia sono così affollati - le famiglie tallonate dal bisogno sempre più numerose "parcheggiano" i loro figli in attesa di poterseli riprendere - da essere costretti a rifiutare i bambini senza casa, per i quali, scomparso ogni punto di riferimento, familiare o sociale, l'unica alternativa rimane la vita di strada. E la vita di strada in paesi così freddi e inospitali rischia di diventare una trappola mortale. Per sopportare una vita difficile, in cui insicurezza e solitudine sono all'ordine del giorno, la quasi totalità degli street children slavi fa ricorso all'uso di droghe povere come la "adela", micidiale collante a basso prezzo in grado di offrire brevi momenti di euforia per rischiarare l'angoscia quotidiana.

Si tratta di una nuova emergenza. Nonostante tutto, lo Stato pensava ai suoi bambini e forniva alle famiglie qualche forma di assistenza: la scuola con un pasto, tariffe pubbliche controllate, assistenza sanitaria e opportunità ricreative erano servizi concessi gratuitamente a tutti, che costituivano una sorta di rete di sicurezza minima preventiva in grado di salvare le famiglie - e i bambini - dall'indigenza. Ora che il sistema di assistenza pubblica è stato completamente smantellato e la gran parte delle persone non dispone del denaro sufficiente per i costosi servizi sanitari e ricreativi, al posto della rete minima di sicurezza, per molti non c'è che un salto nel vuoto. Per la gran parte dei bambini che raggiungono la strada, in fuga da famiglie abusanti o semplicemente non più in grado di occuparsi di loro, le opportunità sono davvero poche: trovare un lavoro nel settore formale dell'economia è quasi un'utopia per chi ha ricevuto un'istruzione scadente e non ha precedenti esperienze lavorative, in un mercato del lavoro difficile e scarso di offerte come quello della maggior parte dei paesi dell'Est. Molti di loro si riuniscono in piccole bande per le quali la possibilità più realistica di guadagnare qualcosa è la strada della microcriminalità. La loro età è compresa tra i 14 e i 17 anni, ma alcuni di loro sono molto più giovani. La gran parte sono zingari o appartenenti a minoranze etniche malviste sul posto, mentre circa i 3/4 di loro provengono dagli istituti statali. Poiché in molti paesi, soprattutto Bulgaria e Romania, i bambini istituzionalizzati sono numerosi, ciò fa temere che in futuro i bambini di strada possano essere molti di più.

Ormai anche i bambini che hanno una famiglia regolare rischiano di imboccare la china della devianza: lasciati soli per tutto il giorno da genitori costretti a svolgere più di un lavoro per garantire la sopravvivenza della famiglia, un numero consistente di piccoli slavi vivono ormai abbandonati a se stessi, preda dei mille rischi della strada. Secondo l'UNICEF il numero di bambini abbandonati a se stessi è "catastrofico" ed è in costante aumento il numero dei genitori impossibilitati per più di un motivo a seguire i propri figli nel processo di crescita. Il miraggio del "fare soldi a tutti i costi" è diventato il credo delle giovani generazioni nelle nuove economie di mercato ed è alla radice del sempre maggiore disinteresse nei confronti della scuola. Molti giovani lasciano la scuola per dedicarsi al piccolo commercio più o meno legale, che spesso diventa l'anticamera dell'emarginazione e della devianza.

Bambina vittima di violenzeSi è registrato anche un preoccupante aumento del numero dei bambini venduti a loschi trafficanti da famiglie in crisi economica; in genere questi bambini finiscono nel giro della prostituzione locale o vengono introdotti nel traffico internazionale del sesso: molti di loro provengono dalla Romania.Qualche cifra ci aiuta a delineare le dimensioni del fenomeno dello sfruttamento sessuale giovanile: in Estonia quasi il 30% delle prostitute è costituito da minorenni; in Lettonia sono circa 10.000 i bambini che invece di andare a scuola passano il loro tempo per strada, altrettanti in Lituania e molti di loro si prostituiscono per somme irrisorie; in Romania i ragazzi di strada vendono il loro corpo pur di avere un posto riscaldato in cui trascorrere qualche notte; nella Federazione Russa il crimine organizzato è pesantemente coinvolto nello sfruttamento sessuale dei minorenni. Ovunque, la prostituzione minorile è un fenomeno legato alla vita di strada: i bambini che lavorano in night club, bar e ritrovi o che dormono per strada o alla stazione sono per definizione esposti al rischio dello sfruttamento sessuale.

Il mondo del crimine organizzato tende, all'Est come in Occidente a utilizzare sempre più frequentemente manodopera minorenne, ma qui le condizioni dell'infanzia sono tali che il coinvolgimento dei ragazzi di strada nelle attività criminose diventa scontato. Così il numero di piccoli criminali sta raggiungendo in quasi tutte le realtà urbane dell'Est europeo cifre da capogiro: in Lituania i giovani tra i 14 e i 29 anni che costituiscono un terzo della popolazione, commettono almeno la metà di tutti i crimini commessi e il 75% di quelli più violenti. Come dimostrano alcune indagini realizzate per la Commissione Europea, l'aumento del crimine giovanile nell'Est europeo è prevalentemente un fenomeno di gruppo: in Bulgaria e Polonia circa i due terzi dei crimini compiuti da minorenni vengono commessi da bande; oltre l'80% dei minorenni incarcerati in Ungheria hanno agito in gruppo come in Ucraina. Nella Federazione Russa, tra il 1985 e il 1995, il numero di crimini commessi da bande giovanili si è più che raddoppiato.

Per tutte le aree geografiche: notizie tratte da "Dossier Unicef aprile 2000" dal sito www.unicef.it.
Ultimo rapporto 2002 in formato PDF www.unicef.it/bellamy2002.htm

L'IPOCRISIA DEL MERCATO
tratto da Boycott, "I misfatti della Nestlé", Mani tese: www.manitese.it/manitese.htm

Francuccio Gesualdi - responsabile del Centro Nuovo Modello di Sviluppo

... Ogni giorno 4.000 bambini nel Sud del Mondo potrebbero essere salvati dalla morte per malattie e denutrizione se fossero allattati al seno e non con latte in polvere ...

Al Nord molti pensano che il latte in polvere sia migliore di quello materno, arricchito com'è di sali minerali e vitamine. Studi approfonditi hanno però confermato l'intuito del buon senso millenario: L'allattamento al seno è il miglior modo per iniziare la vita: è gratuito, salutare e protegge dalle più comuni infezioni, inclusa la poliomielite e ha un importante effetto immunitario. Persino in Inghilterra, un bambino allattato con il latte artificiale è esposto 10 volte in più a malattie di tipo gastrointestinali rispetto ad un bambino allattato al petto. Ma nelle società povere -sostiene l'UNICEF- i bambini allattati artificialmente sono esposti alla morte 25 volte in più di quelli allattati al seno.

Per quanto possa sembrare paradossale, la prima ragione è da ricercarsi nella denutrizione dovuta al fatto che molte famiglie guadagnano troppo poco per attenersi alle dosi prescritte. Secondo uno studio condotto dall'organismo inglese War on Want, nel 1974, in Nigeria, il costo dell'alimentazione artificiale di un bambino di tre mesi rappresentava il 30% del salario minimo di un operaio. Il costo passava al 47% quando il bambino raggiungeva i 6 mesi. Se consideriamo che dall'80 al '90 i salari sono diminuiti del 30-40%, non deve stupire se il latte è annacquato diverse volte più del prescritto, con il risultato finale che i bambini, lungi dal crescere belli e robusti, diventano rachitici e sottopeso fino a morire.

La seconda ragione per cui l'allattamento al biberon uccide, è la mancanza di igiene. L'acqua con cui il latte è preparato è spesso malsana ed è impossibile sterilizzare biberon e tettarelle senza la comodità del fornello e senza disinfettanti. Mamme con pochi soldi, poche comodità e poche conoscenze igieniche somministrano ai loro bambini latte allungato in biberon a malapena sciacquati, con tettarelle esposte all'aria, su cui si posano di continuo decine di mosche. Le inevitabili conseguenze sono infezioni intestinali che provocano diarree mortali.

Le responsabilità della Nestlé
Viveri "Gratis" Una delle più redditizie tattiche di marketing usata in particolar modo della Nestlé è di dare gratis il latte per bambini o i sostituti agli ospedali e ai reparti maternità. In molti casi, viene dato abbastanza latte perché tutti i bambini nati all'ospedale siano allattati con il biberon. Alle madri viene spesso dato anche un barattolo campione da portare a casa. Dare il latte con il biberon ai neonati fa si che il latte materno venga progressivamente a mancare e l'allattamento al seno diventi impraticabile. Di conseguenza il bambino diventa dipendente del latte artificiale. Una volta a casa, le madri non ricevono più il latte gratis, ma se lo devono comprare. Da questo nascono da una parte i profitti della multinazionale e dall'altra le spaventose conseguenze di malattie e denutrizione.

Tecniche di marketing irresponsabili
I campioni gratuiti agli ospedali sono solo una strada per dare ai bambini il latte artificiale. Nestlé adopera molte altre tattiche per persuadere le madri ed il personale medico a preferire l'allattamento artificiale. Queste includono:
* Promozione del latte per bambini al personale medico: Nestlé sa che, persuadendo il personale medico a raccomandare il suo latte, ottiene un appoggio determinante. Ciò è molto più efficace che convincere le madri singolarmente. E il prezioso tempo dei medici viene sprecato in visite di rappresentanti di vendita. La Nestlé inoltre distribuisce informazioni tendenziose ai medici: queste sono le uniche che molti riescono a ricevere.
* Pubblicità negli ospedali: praticamente tutte le madri possono allattare al petto se vengono loro forniti i giusti avvertimenti ed aiuti. Ma la loro fiducia verso l'allattamento naturale è minata dall'aggressiva pubblicità del latte in polvere. La pubblicità del latte per bambini nelle corsie o attraverso la distribuzione di volantini negli ospedali, implica inoltre la complicità del personale sanitario.
* Disorientamento delle madri e del personale medico: chiamando e confezionando il suo latte per lo svezzamento nella stessa maniera in cui chiama e confeziona il latte in polvere. In Pakistan, ad esempio, il latte per lo svezzamento viene spesso prescritto per i neonati.
* Influenze sui governi che vogliono proteggere l'allattamento al petto per legge. La Nestlé è una multinazionale molto potente e riesce ad esercitare un'influenza considerevole sui governi. La pressione esercitata dalle società per il latte in polvere ha ritardato e indebolito la legislazione da parte di molti governi e ha convinto le altre compagnie che l'industria può regolarsi indipendentemente dalla legislazione dei governi.

Perché proprio Nestlé?
Nestlé, la multinazionale più potente del mondo nel campo agro alimentare, vende il 25% dei suoi prodotti nel Sud del Mondo e controlla circa il 35-50 % del mercato globale del cibo per bambini, indirizzando tendenze di marketing che influenzano le altre ditte. Nestlé ricorre a irresponsabili tecniche di marketing - violando il Codice Internazionale redatto da UNICEF e OMS - più spesso di ogni suo concorrente.

"Il numero di vittime causate dall'uso improprio del latte in polvere ogni mese è equivalente a quello che causò l'esplosione della bomba di Hiroshima nel 1945."
(James Grant, Direttore Esecutivo UNICEF)

IL MONDO IN CIFRE
tratto da www.volint.it/scuolevis/dossier.htm

Il mondo in cifre* I bambini lavoratori sono stimati in 250 milioni.
* Ci sono 800 milioni di disoccupati e sottoccupati.
* 1,3 miliardi di esseri umani vivono con meno di 1 dollaro al giorno. (Nel 1996 erano 100 milioni).
* In Europa ci sono 37 milioni di poveri e 5 milioni di senza tetto.
* L'80% della popolazione mondiale possiede il 15% delle ricchezze
* Sono almeno 600 milioni le persone che abitano in ambienti che minacciano la loro salute e vita.
* A New York i senza tetto raggiungono un numero di quasi 250 mila, ciò significa che più del 3% della popolazione è rimasto senza riparo durante gli ultimi cinque anni; a Londra sono 400 mila i senza casa ufficialmente registrati.
* La provvista di acqua pro capite nei paesi in via di sviluppo è solo un terzo di quella che si aveva nel 1970.
* Nei paesi in via di sviluppo le donne adulte analfabete sono ancora il 60% in più rispetto agli uomini e i salari femminili sono solo tre quarti dei salari maschili.
* Fra il 1989 e il 1996 il numero dei miliardari è aumentato da 157 a 447; oggi la ricchezza netta dei 10 maggiori miliardari è di 133 miliardi di dollari: più di una volta e mezza il reddito complessivo di tutti i paesi meno avanzati
* Secondo l'UNDP basterebbero 80 miliardi di dollari all'anno per garantire a tutti gli abitanti del pianeta i servizi fondamentali: meno dell'1% della ricchezza globale
* Ben 4 su 5 vittime di conflitti sono civili. L'80% sono donne e bambini.
* Dal 1989 sono scoppiati 82 conflitti, di cui 79 a carattere civile.
* Ci sono 110 milioni di mine, disseminate in 68 paesi.
* Il commercio delle armi ammonta a 815 miliardi di dollari e i membri del Consiglio di sicurezza ne controllano l'86%
* Oggi nel mondo ci sono 35 milioni di Rifugiati, 60% in più rispetto a cinque anni fa
* 1.300 miliardi di dollari vengono scambiati ogni giorno sui mercati valutari. Il 90% di questa cifra è costituito da speculazioni.
* Il 75% del commercio mondiale è controllato dalle società multinazionali e dalle loro affiliate
* I paesi meno avanzati, con il 10% della popolazione mondiale, ricoprono solo lo 0,3% dei commerci mondiali: metà della quota di cui disponevano due decenni fa.
* Negli anni Novanta i prezzi delle derrate erano inferiori del 45% rispetto a quelli degli anni Ottanta e del 10% più bassi del livello minimo raggiunto nel 1932, durante la Grande Depressione.
* Le tariffe applicate dai paesi industrializzati sulle importazioni provenienti dai paesi in via di sviluppo sono di un 30% più elevate rispetto alla media generale.
* In quattro anni il debito dei PVS e cresciuto del 92.2% passando da 1.132.000 milioni di dollari del 1986 a 2.177.000 milioni nel 1996.
* I livelli di Aiuto Pubblico allo Sviluppo toccano oggi il loro minimo storico, con una media europea del 2,5% del PNL dei paesi donatori.
* L'Italia è all'ultimo posto, a "pari merito" con il Giappone: 0,2% del PNL, con un decremento del 34% rispetto al 1995.
* I paesi dell'Africa sub-sahariana ricevono solo il 4.8% di tutti gli investimenti privati.

Per ulteriori informazioni ed indicazioni bibliografiche:
Comitato Quincho Barrilete Bolzano - Biblioteca Culture del Mondo, via Marconi 5 - 39100 Bolzano
tel/fax: 0471.972240 - e-mail: mail@bibmondo.it - www.bibmondo.it

Edito nel febbraio 2001 a cura della Biblioteca Culture del Mondo e del Com. Quincho Barrilete - Bolzano, e-mail: quincho@bibmondo.it.


Ultimo aggiornamento: 13.10.2004 | URL: www.bibmondo.it/att/opu/opu.html | XHTML 1.0 / CSS / WAI AAA | WEBdesign, Info: M. di Vieste

HOME | Libri - Bücher | Video & ... | >> Attività - Aktivität | Bookmark | Copyright, Cerca / Suche
[ Deutsche Fassung ] - [ Bambini di strada / Strassenkinder ]